lunedì 11 maggio 2015

#vecchi post: Natale 2009, forse


E così, ci siamo. 
Natale è alle porte, con tutto il suo carico di ipocrisie, solitudini, consumismo, luci e suoni artificiali.
E con il suo fascino, che porta anche una come me, vecchia e disincantata, a sperare.
Cosa?
Che una magia si avveri, che qualcosa di bello e diverso possa accadere.
Lo so che non succederà, lo so che ogni Natale sarà più triste del precedente e la solitudine sempre più densa e pesante, ma quando 
Laura mi porta a fare un giro per questo paesello e vedo le lucette degli alberi, le decorazioni, il babbo natale di plastica fuori dal tabaccaio, qualcosa succede.



La speranza rinasce.
Ma perchè, anche non credendoci, il natale riesce a soggiogarmi?
Mi sono data questa risposta: si risveglia/rinnova il lavaggio del cervello che mi è stato fatto da bambina, dalle suore. 
E che viene rinnovato, aggiornato, tenuto vivo da film, trasmissioni TV, usanze e tradizioni.
Non che mi dispiaccia, anzi sarebbe stupendo se alle parole, gli auguri, le luci e i suoni, i presepi illuminati, i doni, seguissero i fatti: 
un sorriso per tutti, di qualsiasi sesso nazionalità o colore, un po' di pace, un po' di calore umano per tutti quelli che sono soli, 
anziani e bambini sopratutto.
Se ogni Natale mettesse una tesserina in più nel grande puzzle della vita, del mondo, una tesserina di pace, d'amore, 
di rispetto per gli altri e per la natura....allora il natale avrebbe un senso.

Buon Natale.



Vent'anni

Vent'anni, che meraviglia! Forse… Ieri mia nipote, la mia unica nipote (sono sua nonna non sua zia, ma perché non esiste una parola di...