domenica 14 maggio 2017

#mezzo pieno mezzo vuoto

Mezzo pieno, mezzo vuoto…lo sento dire spesso per connotare l'essere positivo o negativo di una persona.
Anche oggi ho trovato due post su un social, uno che inneggiava al "vedere il bicchiere SEMPRE mezzo pieno" l'altro che confessava di vederlo quasi sempre mezzo vuoto.
Due concezioni di vita, due caratteri diversi….
Ogni volta che leggo questa storia del bicchiere mi chiedo: mai che qualcuno veda un bicchiere pienissimo, colmo fino all'orlo, o totalmente vuoto? Da dove nasce questo detto, che in fondo contrappone due modi diversi di dire la stessa verità?
Credo che sarebbe più interessante   capire come reagiscono le persone al cospetto del famoso bicchiere: il personaggio che lo vede "sempre" mezzo pieno, si obbliga a non guardare la parte vuota e si contenta? In fondo mente a se stesso….
E colui che vede il bicchiere mezzo vuoto se ne lamenta e non fa nulla o prende il fiasco o la bottiglia e riempie bene il bicchiere….e poi sereno e contento se lo scola? Che sarebbe il modo migliore di reagire, vedere il difetto e adoprarsi per rimediare..e poi godere dei risultati.
Quindi io voto per chi vede il bicchiere mezzo vuoto.
Anche se mi piacerebbe sapere dove è nato questo modo di dire, chi l'ha coniato e perché….e se lui/lei il bicchiere lo vedeva mezzo pieno o mezzo vuoto!
Ma, soprattutto, pieno o vuoto di cosa????
Nel dubbio, propongo un bel brindisi…bicchieri mezzi vuoti o mezzi pieni, l'importante è che il vino sia buono! Cin cin



#stelle marine #scrivere di se - 3

In questi giorni mi è arrivato, il "caso" ne sa a pacchi, un libercolo scritto dal mio ex marito, sono solo confusi pensieri, come...