giovedì 3 novembre 2016

#voglio essermi simpatica!

Stamattina voglia di ridere, di dire cavolate. Di "essermi" simpatica!

Malgrado il cielo grigio, le notizie angoscianti, e ca..i vari personali.

Ma bisogna essere bravi per trovare nella vita qualcosa per ridere e ancora di più per riuscire a far ridere/sorridere gli altri.

C'ho pensato stamattina, leggendo su fb il racconto di un'amica virtuale che si è stirata da sola i capelli. Bravissima, con solo questo spunto è riuscita a scrivere una cosa divertente. Ma me lo aspettavo, non è la prima volta.
Quindi, ho bisogno di lezioni. 
Il lato buffo, spesso ridicolo della vita lo vedo, sono anche un poco pagliaccia o almeno lo ero, ma quando mi metto qui a scrivere o quando prendo appunti su un foglio divento barbosa/seriosa/maestrina ecc….tanto che penso di rileggermi le cose scritte fino ad ora e cancellare le più noiose. Certo, avessi qualcuno che commenta sarebbe più facile.


Diario:
Ieri sono andata dalla parrucchiera a tagliarmi i capelli, mi figlia non mi sopportava più con il rado ciuffetto bianco davanti agli occhi. 
Fortunatamente la mia parrucchiera, Laura, è una donna solare e simpatica e mi sono lasciata andare a scherzi e racconti personali, con mia nipote che mi guardava preoccupata. Lei è ancora nell'età in cui è importante l'apparire. E la capisco perché alla sua età ero anche peggio, con l'inconscia convinzione che tutti guardassero e giudicassero me.
Come vorrei riuscire a trasmetterle la mia esperienza così che possa saltare pari pari questo periodo e ritrovarsi libera di essere esattamente quello che è.
Che poi è meglio di quello che vuole apparire, o che pensa che gli altri preferiscano.
Mentre mi tagliavo i capelli, una bella rasata, ho chiacchierato a ruota libera di viaggi, crociere, e perfino rivelato segreti che più segreti non ne ho: quando ho scoperto che il mio ora ex marito aveva una donna di 16 anni più giovane di lui, (io ero molto vicina ai 50) ed erano insieme da otto anni, la mia testa ha sballinato un po' e ho raccontato che, pensando di riconquistarlo….mi ero fatta rialzare il seno e aspirare il grasso dalla pancia. Liposuzione si chiama.
Fatta a Villa Toniolo, Bologna, da un professore che andava per la maggiore, mi pare si chiamasse Prof. Lauro.
La cosa che ricordo meglio, che mi ha turbato e stavo per scappare e rinunciare a tutto è stato quando una suorina mi ha fatto spogliare, si è inginocchiata davanti a me, e ha cominciato a…rasarmi l'aiuola!!!
Io sono stata educata dalla Suore, ho avuto una zia Suora…e anche se la Fede l'ho persa da tanto, mi sono sentita una stupida stronza, e mi è sembrato di umiliare questa suorina.
Che poi non è servito a nulla, se non a vedermi un po' più carina  per un po' di tempo. Il marito se n'è comunque andato, i seni sono voluti tornare alla posizione di partenza, la pancia mi ha detto di lasciare ogni speranza, e si è nuovamente arrotondata. Con mia buona pace perché nel frattempo, grazie anche all'aver frequentato gruppi e persone che mi hanno aiutato, sono tornata normale. Anzi sono migliorata, accettando che gli uomini preferiscano le giovani, i seni sentano la legge di gravità e le pance, se si insiste a mangiare e non fare sport si arrotondino. 
Ma una cosa l'ho guadagnata: mi sono più simpatica!

Credere o non credere? #percorsi spirituali.

Ho appena letto un articolo-intervista che un giornalista ha fatto ad Andrea Bocelli. Ci sono arrivata cercando una poesia buffa di Triluss...