domenica 8 maggio 2016

#mamma

Festa della mamma, festa commerciale senza dubbio, ma secondo me è l'unica che abbia comunque una validità.
Sono nonna e quindi mamma ma in questo momento sto pensando alla mia, di mamma. 
Ne ho già scritto lo scorso anno, della mia mamma, e forse anche altre volte qua e là per il web. Ma è poco in confronto a quante volte penso a lei.

Intelligente ironica, carattere da generale, "ho sempre ragione io" era la sua frase preferita. 
Donna attraente e di carattere. Ha vissuto gli anni della guerra, da benestante è diventata poverissima, da una bella casa a Firenze si è trovata a vivere in una casa sinistrata, a Livorno…..riuscendo a ingoiare orgoglio e quel poco di snobismo che l'ha sempre contraddistinta.
Ha dovuto mettermi n collegio, aveva una sorella suora, e ha dovuto lasciare che mia sorella Paola vivesse per un po' di tempo a Siena, dagli zii. Lei era piccolissima e sono certa che molti dei suoi problemi sono venuti da questa necessità. Anche molti dei miei, perché sono entrata in collegio a cinque anni.


L'ho tenuta con me fino alla fine, mi ha lasciato a 83 anni per un tumore ai polmoni, era una fumatrice accanita. Poteva vivere fino a cento anni se non avesse fumato tanto.
Amava la natura, le piante, i fiori…ma aveva una preferenza assoluta per i mughetti, li adorava!

Non è stato un rapporto idilliaco il nostro, incomprensioni e litigi non sono certo mancati, specie nell'adolescenza: ero la maggiore e ho aperto la strada alle altre mie due sorelle…..ma io ho avuto un'adolescenza abbastanza triste e solitaria. 
Niente uscite, poche amiche, fuori la sera solo dopo che mi sono fidanzata.
Ma sono sicura che ci ha amato tanto, e che ha fatto immensi sacrifici per noi.
E io la invoco ogni tanto,la chiamo, le chiedo aiuto.
E tutte le sere le do' la buonanotte.
Tanti auguri MAMMA.

Qualcosa di bello

Ho appena letto che, per stare emotivamente bene, bisognerebbe fare ogni giorno qualcosa di bello. Farlo noi, non attendere che accada. E q...