lunedì 21 settembre 2015

#Un libro, stasera

Un libro, ma non un libro qualsiasi, un libro-amico è quello che può aiutare nei momenti grigiognoli. 
Un libro che piaccia, un po' di musica, un po' di internet e si riescono a superare, quasi sempre, le malinconie.
Ma è il libro soprattutto che fa volare il tempo, ingoia ore e minuti, fa sorridere e pensare, come un buon amico.

Questa estate è stata caratterizzata, fino a ieri,  dalla mancanza di un libro che mi avvincesse.
Ho ascoltato qualche consiglio, letto qualcosa, ma senza provare eccessiva partecipazione: mi mancava quella "dipendenza" quasi morbosa che mi prende quando trovo "il" libro. 
Che non vuol dire un libro capolavoro, e nemmeno un bellissimo libro. 
Significa un libro scritto in modo che "mi prenda".
Non leggo volentieri noir e thriller, romanzi rosa o hard, anzi non li leggo proprio; mi lascio tentare da qualche saggio pseudo-politico, dai libri gialli (passione ereditata da mia mamma che non si perdeva nemmeno uno dei settimanali Gialli Mondadori), e mi affascina il paranormale se non è troppo immaginifico. 
Ma soprattutto mi piacciono le storie "normali" e ben scritte.
E dicendo ben scritte non intendo in perfetto italiano, anche se non guasta, ma che siano scorrevoli, chiare e avvincenti.
Per una donna della mia età le ore da far passare sono tante, la solitudine ogni tanto morde troppo forte e internet, che pure aiuta tantissimo, non è sufficiente.
Un romanzo, una storia  che ti piaccia, ti avvolge e ti abbraccia, ti chiama e ti fa soffrire quando finisce. 
Un libro riempie.

Ieri ho incontrato un romanzo così: Florence Gordon, di Brian Morton (primo libro tradotto in Italia).
Una recensione su un quotidiano, che lo paragonava in qualche modo a "La versione di Barney" che ho adorato, mi ha convinto a comprarlo. Ho fatto bene.
La protagonista ha 75 anni, come me. E' un po' asociale, come me. Ha una nipote, come me.
Per il resto è diversissima: intelligente, impegnata, quasi famosa, femminista combattente e accanita (io appena un po'…) scorbutica al limite della maleducazione.  
Le girano attorno altri tre o quattro personaggi, la sua famiglia e qualche amica.
Con questi pochi elementi l'autore ha confezionato una storia che mi ha appassionato. E che consiglio.
Iniziato ieri mattina, finito ieri sera/notte: circa 300 pagine divorate, e mi sono addormentata soddisfatta. 
Meglio che se avessi mangiato un pezzo di cioccolata!


#maturità "traccie" e Caproni

Secondo giorno d'estate, ma sembra di essere in Africa (esagerataaaaaa) comunque fa un vero gran caldo, aggravato dal tasso di umidità c...