lunedì 21 settembre 2015

#Un libro, stasera

Un libro, ma non un libro qualsiasi, un libro-amico è quello che può aiutare nei momenti grigiognoli. 
Un libro che piaccia, un po' di musica, un po' di internet e si riescono a superare, quasi sempre, le malinconie.
Ma è il libro soprattutto che fa volare il tempo, ingoia ore e minuti, fa sorridere e pensare, come un buon amico.

Questa estate è stata caratterizzata, fino a ieri,  dalla mancanza di un libro che mi avvincesse.
Che non vuol dire un libro capolavoro, e nemmeno un bellissimo libro. 
Significa un libro scritto in modo che "mi prenda".
Un romanzo, una storia  che ti piaccia, ti avvolge e ti abbraccia, ti chiama e ti fa soffrire quando finisce. 
Un libro riempie.

Ieri ho incontrato un romanzo così: Florence Gordon, di Brian Morton (primo libro tradotto in Italia).
Una recensione su un quotidiano, che lo paragonava in qualche modo a "La versione di Barney" che ho adorato, mi ha convinto a comprarlo. Ho fatto bene.
La protagonista ha 75 anni, come me. E' un po' asociale, come me. Ha una nipote, come me.
Per il resto è diversissima: intelligente, impegnata, quasi famosa, femminista combattente e accanita (io appena un po'…) scorbutica al limite della maleducazione.  
Le girano attorno altri tre o quattro personaggi, la sua famiglia e qualche amica.
Con questi pochi elementi l'autore ha confezionato una storia che mi ha appassionato. E che consiglio.
Iniziato ieri mattina, finito ieri sera/notte: circa 300 pagine divorate, e mi sono addormentata soddisfatta. 
Meglio che se avessi mangiato un pezzo di cioccolata!


Vent'anni

Vent'anni, che meraviglia! Forse… Ieri mia nipote, la mia unica nipote (sono sua nonna non sua zia, ma perché non esiste una parola di...